SatiraPolitica

CastigatRidendoMores

Sabina Guzzanti

Anche-Sabina-Guzzanti-truffata-da-Torregiani-Fui-imbecilleAltro personaggio importante nel panorama satirico italiano è sicuramente Sabina Guzzanti, attrice, comica, regista e blogger. La Guzzanti si è da sempre dedicata alla satira politica, realizzando delle riuscite imitazioni di Massimo D’Alema e Silvio Berlusconi. Nel novembre 2003, dopo un periodo di pausa, torna in televisione con la trasmissione a carattere satirico e di argomento politico Riot – armi di distrazione di massaRepertoRiota: il programma trattava di satira e di denuncia sociale rispetto ad alcuni aspetti controversi inerenti alla politica e l’informazione in Italia; la Guzzanti mescolava le sue tradizionali imitazioni ad una serie di informazioni relative al conflitto d’interessi che coinvolgeva le forze politiche, la libertà di informazione in Italia e i presunti atteggiamenti di connivenza tra maggioranza e opposizione. Tra i personaggi che era in programma fossero impersonati dalla Guzzanti vi erano anche il Presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi, Massimo D’Alema e l’allora presidente della Rai Lucia Annunziata. Delle previste sei puntate fu mandata in onda solo la prima, che ebbe un notevole successo in termine di ascolti, più di 1 milione di telespettatori, ma il giorno seguente fu annunciata una querela da parte di Mediaset contro la Guzzanti e la Rai per una presunta diffamazione; la querela fu poi vinta dalla Guzzanti, ma il programma fu comunque sospeso.

Viva_Zapatero_-_dvdNel 2005, la Guzzanti realizza il documentario satirico Viva Zapatero!, nel quale parte dalla chiusura della sua trasmissione televisiva Riot. La Guzzanti allarga il caso denunciando una situazione di censura dell’informazione in Italia, coinvolgendo non solo politici di destra e sinistra, ma anche giornalisti come Travaglio e Biagi e attori come Luttazzi e Dario Fo. Il titolo del programma è un forte richiamo all’azione del leader socialista spagnolo Zapatero. Mediaset, fortemente attaccata nel programma, reclama 20 milioni di euro ai danni della Rai, la produttrice del programma Sabina Guzzanti e il resto degli autori.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: