SatiraPolitica

CastigatRidendoMores

Neorealismo

Cinema neorealista 9788842089124g   Il Neorealismo fu un movimento culturale, che nacque e che si sviluppò in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale e nell’immediato dopoguerra, che ebbe delle ripercussioni molto importanti sul cinema contemporaneo. In ambito cinematografico i maggiori esponenti del movimento furono, negli anni quaranta, i registi Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Vittorio De Sica e lo sceneggiatore Cesare Zavattini. Un discorso a parte viene fatto per Federico Fellini, per la cui cinematografia si creerà successivamente, il termine di realismo magico. Il cinema neorealista è caratterizzato da trame ambientate per la maggior  parte fra le classi disagiate e lavoratrici e utilizza spesso attori non professionisti per le parti secondarie. I film trattano soprattutto la situazione economica e morale del dopoguerra italiano, e riflettono i cambiamenti nei sentimenti e le condizioni di vita: speranza, riscatto, desiderio di lasciarsi il passato alle spalle e di cominciare una nuova vita, frustrazione, povertà e disperazione. Per una maggiore fedeltà alla realtà quotidiana, le devastazioni belliche facevano da sfondo alle scene esterne dei film, d’altra parte, nel 1937, il complesso di studi cinematografici che era stato il centro della produzione cinematografica italiana, ossia Cinecittà, fu occupato dagli sfollati sino all’immediato dopoguerra, risultando quindi indisponibile ai registi.

                  

I neorealisti furono molto influenzati dal realismo poetico francese, infatti Luchino Visconti lavorarò in stretta collaborazione con Jean Renoir. Elementi di neorealismo sono rintracciabili anche in alcune opere di Alessandro Blasetti e nei film – documentari di Francesco De Robertis. Secondo alcuni critici, i due più significativi lungometraggi che negli anni trenta anticiparono alcuni aspetti del neorealismo, furono Toni (Renoir, 1935) e 1860 (Blasetti, 1934).

ROMA_C~1   

Il primo film chiaramente attribuibile al genere viene considerato quasi unanimemente dalla critica Ossessione (1943), di Luchino Visconti[2]. Il Neorealismo acquistò però risonanza mondiale per la prima volta nel 1945, con Roma, città aperta, primo importante film uscito in Italia nell’immediato dopoguerra. Il lungometraggio narra, con accenti fortemente drammatici, la lotta morale degli Italiani contro l’occupazione tedesca di Roma, facendo coscientemente il possibile per resistervi. I bambini sono osservatori della realtà e in essi ci sono le chiavi del futuro. Al culmine del neorealismo, nel 1948, Luchino Visconti adattò I Malavoglia, il celeberrimo romanzo di Giovanni Verga scritta nel pieno del verismo, il movimento del XIX secolo che fu per tanti aspetti la base del neorealismo. Ne ammodernò il soggetto, apportando modifiche straordinariamente piccole alla trama o allo stile originale. Il film che ne risultò, La terra trema, fu interpretato solo da attori non professionisti e fu girato nel medesimo paese, Aci Trezza, frazione di Aci Castello (Catania), dove il romanzo era ambientato. Poiché il film venne girato in Lingua siciliana, esso fu sottotitolato anche nella versione originale italiana.

Il neorealismo propriamente detto si esaurì attorno alla metà degli anni cinquanta, tuttavia influenzò sensibilmente alcuni registi successivi, fra cui Pier Paolo Pasolini, che nei primi anni sessanta diresse alcuni film apparentemente appartenenti al genere. Il contenuto neorealista fu allora nella rappresentazione, spettacolare e forse documentaria, ma comunque accessoria, di alcuni elementi della vera vita comune in Italia dopo il cosiddetto “boom” degli anni sessanta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: